ANALISI DEI RISCHI

L’analisi dei rischi (o risk assessment) risponde all’esigenza richiamata dall’art. 6, comma 2, D.Lgs. 231/2001 secondo il quale il modello deve ”a) individuare le attività nel cui ambito possono essere commessi i reati..”.

Essa rappresenta la parte centrale di tutto il processo di definizione del modello organizzativo ex D.Lgs 231/2001, perché consente di identificare i settori e i processi aziendali esposti alla possibile commissione di uno dei reati presupposto previsti dal Decreto 231 e quindi di predisporre tutte le contromisure atte ad evitare che questi rischi si realizzino nel contesto di operatività dell’ente.

La fondamentale importanza dell’analisi dei rischi e dell’esistenza di un documento in cui si consacri  l’individuazione dei rischi e delle misure atte a contrastarli è stato in più occasioni ribadito anche dalla Corte di Cassazione.

Come si articola il Risk Assessment

Il risk assessment si articola attraverso:

  • l’attività di mappatura dei processi aziendali che permette di ricostruire la struttura organizzativa dell’ente. Si tratta di una operazione mirata e “realizzata su misura” sulla società oggetto di studio.
    L’attività viene da noi condotta attraverso:

    • l’analisi dei documenti più rilevanti della vita dell’ente (statuto e atto costitutivo, organigramma, sistema di poteri, deleghe e procure, procedure vigenti, ecc);
    • specifiche interviste ai referenti dei diversi settori aziendali per raccogliere ulteriori informazioni e dati sull’organizzazione dell’azienda;
  • la valutazione dei rischi che consente di ponderare ciascuno rischio al fine di determinarne il peso e l’impatto sul contesto specifico dell’ente analizzato, tenuto conto dei controlli e delle misure già esistenti ed attivate dall’organizzazione nel momento in cui l’analisi è condotta.

Non tutti i rischi sono uguali e quindi si tratterà, sulla base della singola incidenza, di stabilire modalità e priorità di intervento.
L’analisi svolta viene formalizzata in un documento che evidenzia e garantisce la tracciabilità della valutazione del rischio svolta e l’individuazione delle misure di controllo atte a mitigare il rischio stesso.

L’analisi dei rischi va costantemente riveduta.
Il servizio offerto può consistere anche nell’aggiornamento di un precedente risk assessment effettuato in passato per adeguarlo alla fisiologica mutevolezza della realtà aziendale e/o all’evoluzione della normativa (come l’introduzione di nuovi reati presupposto).

CERCHI UN CONSULENTE IN AMBITO 231?

Offriamo consulenze e formazione personalizzate dedicate alle Aziende.